NOTIZIE CRONACA

A Predappio con la maglietta “Auschwitzland”: Selene Ticchi condannata a pagare 9mila euro


FORLì – Selene Ticchi, che si presentò alla commemorazione della marcia su Roma di Predappio dell’ottobre scorso, è stata condannata dal tribunale di Forlì per la maglietta con la scritta “Auschwitzland”. Lo rende noto l’Anpi nazionale sul sito Patria Indipendente. Il decreto penale prevede una condanna a quattro mesi di reclusione, convertita in multa di 9050 euro.

Una maglietta nera che scimmiottava il logo della Disney ma che recava l’immagine dell’ingresso del campo di sterminio in Polonia. Immediate e durissime le reazioni, non solo dall’associazione dei Partigiani ma persino da Forza Nuova di cui Ticchi si professava militante.

E’ una sentenza “che dà ragione all’Anpi nazionale”, scrive l’associazione dei partigiani, “e a tutti coloro che hanno denunciato il reato, una sentenza che rispetta le leggi vigenti, a cominciare dalla legge Mancino, e rispetta la XII Disposizione finale della Costituzione che vieta la ricostituzione sotto qualsiasi forma del disciolto partito fascista”.

Il presidente dell’Anpi di Forlì, Miro Gori, ritiene la condanna “giustissima” alla luce di un gesto “vergognoso e ignobile”. Quell’esibire una maglietta che irrideva i morti nel campo di concentramento, ridisegnato come un parco dei divertimenti, è stato soltanto uno degli episodi recenti che rivelano “un clima di odio, intolleranza, razzismo che sta dilagando”. E di fronte ai quali, insiste Gori, “non si può parlare di minuzie”, perché la conseguenza poi “è il mettere un bambino nero contro il muro”, come accaduto in una scuola elementare di Foligno”.

Contro episodi simili si è tentato, ricorda Gori, “un giro di vite con la Legge Fiano, ma spesso si tende a non intervenire. Impossibile non farlo di fronte alla maglietta ‘Auschwitzland'”, ma, avverte il presidente dell’ANpi di Forlì, “spesso si sottovalutano i saluti romani”. Occorre invece condannare gesti come questi “non per essere autoritari, ma perché l’uomo ha una quota di cattiveria che bisogna fermare e denunciare” prima “che sfoci in fenomeni di razzismo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *