TECNOLOGIA

Apple acquisisce PullString, startup specializzata nell’assistenza vocale


Apple sa che Siri va migliorato e che è molto indietro rispetto agli assistenti vocali della concorrenza. In questa ottica di miglioramento, l’azienda di Cupertino ha acquisito la PullString, una startup specializzata proprio nell’assistenza vocale.

La PullString ha sede a San Francisco e ha sviluppato negli anni diverse app vocali per Alexa e Google Assistant, oltre a vari dispositivi hardware “internet of things”.

Axios riferisce che Apple ha completato l’acquisizione per meno di 100 milioni di dollari, ma i dirigenti della PullStreing dovrebbero ricevere ulteriori bonus personali. Come per tante altre acquisizioni effettuate da Apple, l’accordo è rivolto a portare in casa i talenti e le tecnologie sviluppate dalla PullStreing.

Precedentemente nota come ToyTalk, PullString è stata fondata da ex dirigenti Pixar nel 2011 quando le applicazioni a comando vocale erano ancora una novità. Nello specifico, il prodotto principale dell’azienda, Converse, è uno strumento di progettazione vocale e intelligenza artificiale che consente ai clienti di creare “app espressive” con voci personalizzate e design avanzato del suono.

Converse è stato integrato in vari progetti, come i giocattoli di Mattel Hello Barbie e Thomas the Tank Engine. Più recentemente, PullString si è concentrata su dispositivi IoT con un focus su assistenti virtuali come Alexa e Google Assistant. L’attuale generazione di PullString Converse consente agli utenti di creare interazioni colloquiali e personalizzabili con altre persone, una funzionalità che è sempre mancata in Siri.

La piattaforma è stata utilizzata in vari progetti di trivia e quiz, ma anche in giochi di avventura e piattaforme per la risoluzione di problemi tecnici senza l’intervento di un operatore umano.

Quello che Apple ne farà di PullString non è noto, ma è probabile che queste tecnologie vengano in parte integrate in Siri. Inoltre, i talenti della startup daranno una mano a migliorare l’assistente vocale di Apple.

Ad esempio, Converse potrebbe dare agli sviluppatori gli strumenti necessari per creare applicazioni avanzate compatibili con Siri. In alternativa, Apple potrebbe utilizzare il set di strumenti di PullString per aiutare il proprio team di ingegneri software di Siri a fornire funzioni esclusive su iPhone e HomePod.