NOTIZIE CRONACA

Formigoni dopo la prima notte in carcere a Bollate: “Famiglia e amici devono essere forti”


“Voglio che sappiano che devono essere forti”: il messaggio arriva dall’ex governatore della Lombardia Roberto Formigoni, da ieri detenuto nel carcere di Bollate, ed è rivolto ai suoi amici, familiari e sostenitori che – dopo la conferma della Cassazione della condanna definitiva per corruzione a 5 anni e 10 mesi – stanno scrivendo messaggi di solidarierà e protesta per la decisione di mandare in carcere Formigoni.

rep

Le sue prime parole dal carcere arrivano dopo la giornata di ingresso, iniziata alle 10 di ieri, quando Formigoni si è presentato spontaneamente a Bollate, mentre i carabinieri erano a casa sua per consegnargli l’ordine di esecuzione della pena firmata dal sostituto procuratore generale di Milano Antonio Lamanna. E chi ha avuto modo di parlare con Formigoni dopo la prima notte in carcere fa sapere che ha trovato l’ex governatore “forte”.

in riproduzione….

L’ex presidente della Lombardia non sarebbe apparso abbattuto. Camicia, maglione con la zip e pantaloni scuri, ha iniziato la mattina incontrando gli operatori del carcere. Assicura di star bene e di non avere problemi. La sua preoccupazione è però per gli altri, per la sua famiglia. E così ripete che “si devono far forza quelli che sono fuori, che sanno tutta la storia: voglio che sappiano che devono essere forti”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *