NOTIZIE CRONACA

Il giorno di terrore a Milano: quello che sappiamo sull’autista dirottatore dello scuolabus


I ragazzi sono tornati a casa, accompagnati da genitori sotto shock quanto loro per quello che è accaduto. E, soprattutto, per quello che sarebbe potuto accadere. Gli investigatori sono al lavoro, su tracce materiali e informatiche, per dare una forma a quelle che, in gergo tecnico, si chiamano le “prime evidenze”. E Ousseynou Sy è in carcere, con addosso l’accusa di sequestro di persona e strage con l’aggravante del terrorismo, nonostante abbia provato a sminuire le sue intenzioni, a dire che se non fossero arrivati quei carabinieri che, invece, hanno “fatto il miracolo”, come dicono in procura, “non si sarebbe fatto male nessuno”. Ma come è arrivato questo autista 46enne che a Crema conoscono come il tranquillo Paolo a dirottare un bus pieno di studenti convinto così di fermare le stragi nel Mediterraneo?

in riproduzione….

La prima fase del sequestro dello scuolabus

Alle 11.20 di mercoledì mattina 51 studenti di seconda A e seconda B della media Vailati di Crema salgono sul solito scuolabus gestito dalla società Autoguidovie che deve riportarli a scuola dalla palestra in cui fanno educazione motoria. Con loro ci sono due insegnanti e una collaboratrice scolastica. Alla guida c’è Ousseynou Sy, autista della società da molti anni. Come lo stesso uomo racconterà più tardi ai procuratori, il suo piano scatta immediatamente: invece di dirigersi verso la scuola, imbocca la Paullese. Ha un obiettivo preciso: “Volevo andare a Linate”. Il giorno prima ha acquistato una tanica di benzina da 10 litri e un mazzo di fascette di plastica da elettricisti. Ferma l bus e annuncia il cambio di programma: mentre tutti lo guardano senza ancora capire, cosparge di benzina le superfici del bus, dice una frase che tanti bambini ripeteranno: “Da qui non uscirà vivo nessuno”. E’ ai professori che dà il compito di legare con le fascette i polsi dei bambini, dopo aver detto a tutti di consegnare i cellulari.
 

rep

La corsa sulla Paullese
I professori, come spiegheranno poi a pm e carabinieri, legano i polsi dei bambini, ma riescono a mettere in atto uno stratagemma che salva la vita a tutti: ai bambini seduti nelle prime file, sotto lo sguardo dell’autista – che pretende che uno degli studenti si sieda accanto a lui -, stringono le fascette, lasciandole invece più larghe ai bambini seduti in fondo. L’autista brandisce un coltello (da cucina, come dirà dopo, ma le fiamme ne hanno cancellato la presenza), qualcuno dice di aver visto il calcio di una pistola, l’uomo dice di non averne mai avuta una. Ed è così che, mentre Sy riprende a guidare verso la sua meta, che entrano in gioco Riccardo e Rami, due piccoli protagonisti di questa storia: Rami ha nascosto il cellulare nella giacca, Riccardo si libera dalle fascette e chiama il 112: “Ci stanno portando via con il pullman, aiutateci”. Anche un terzo bambino, Adam, si libera e chiama i suoi genitori: che capiscono che quello del figlio non è uno scherzo quando il bambino indica il luogo in cui stanno passando in quel momento con il bus, ben lontano da scuola. Sono le 11.50, scatta l’allarme.

 

in riproduzione….

L’intervento dei carabinieri
Scatta il protocollo di intervento, si allertano le stazioni dei carabinieri vicine, la protezione civile, la torre di controllo di Linate, i vigili del fuoco di Milano. La telefonata viene subito trasmessa alle autoradio: due pattuglie della stazione di San Donato in dieci minuti intercettano il bus in località Pantigliate, senza sapere ancora davvero cosa sta succedendo a bordo: ma non c’è tempo di pensare. L’autista vede le due auto dei carabinieri e accelera, speronandole. Mentre continua la sua corsa, arrivano altre tre pattuglie, un’auto si mette di traverso per sbarrare la strada. Sy è costretto a fermarsi. Qui, come raccontano in procura con orgoglio per il lavoro dell’Arma, due carabinieri si avvicinano al finestrino dell’autista, iniziano a parlagli, capiscono che c’è qualcosa di molto serio vedendo l’uomo che agita un accendino e urla loro di andarsene, “se sparate brucia tutto”. E’ un diversivo: altri tre militari vanno verso il fondo del bus, prima provano a forzare la porta posteriore, con insegnanti e studenti che tentano di sfondarla dall’interno, poi usano lo sfollagente per rompere un vetro: da lì iniziano ad uscire in fretta tutti, tra urla e terrore. Perchè intanto il bus continua a scivolare in avanti, fino a fermarsi contro i jersey della strada. E l’autista, ormai ha perso il controllo: appicca il fuoco con l’accendino, le fiamme divampano mentre i bambini stanno ancora uscendo da quel finestrino spaccato.
 

La fuga lungo la Paullese

Le immagini degli automobilisti che sono sulla strada mostrano una scena che il procuratore capo Francesco Greco descrive “da film”: bambini che corrono terrorizzati lungo la strada, con i carabinieri che cercano di intrupparli verso la salvezza, mentre il bus viene letteralmente mangiato dal fuoco e un’alta colonna di fumo nero si alza in cielo. Loro, i ragazzi, vengono portati a scuola, mentre iniziano le telefonate concitate ai genitori. Fanno in tempo a vedere l’arresto del loro autista: i carabinieri lo bloccano sul bus, ha le mani ustionate, non fa resistenza mentre entra nell’auto che lo porta all’ospedale Niguarda per le prime cure, mentre i vigili del fuoco spengono l’incendio e le ambulanze assistono i ragazzi. Tutti, gli adulti di sicuro ma anche i ragazzi, consapevoli di essere scampati a qualcosa che, dice il pm Alberto Nobili “avremmo potuto ricordare per decenni come una tragedia”.

rep

Le indagini sull’autista

In quei minuti gli investigatori sono già al lavoro per capire chi sia l’autista. E i primi dati delle banche dati riservano una notizia inaspettata: Ousseynou Sy è già noto alle forze dell’ordine per due episodi. Il primo, nel 2007, per una denuncia per guida in stato di ebbrezza a Brescia, patente sospesa e poi riavuta. Il secondo per una condanna per molestie sessuali su una minorenne nel 2011: soltanto un anno fa la condanna era diventata definitiva, un anno con pena sospesa. Ma da subito la società Autoguidovie assicura: “Non sapevamo dei suoi precedenti”.
Si scava nella vita dell’autista. E’ nato in Francia nel 1972, da genitori senegalesi, diventa cittadino italiano nel 2004, dopo aver sposato una donna bresciana di Orzinuovi da cui ha due figli – oggi di 18 e 12 anni – da cui si separa più di dieci anni fa. Sempre nel 2002 viene assunto da Autoguidovie: prima come tuttofare, poi come autista. Da anni “senza aver mai dato segni di squilibrio, e facciamo visite periodiche sugli autisti, né avevamo mai ricevuto reclami”, dice ora la società.  A Crema, dove viveva, in tanti restano di sasso davanti alle immagini in tv e a quel nome: perchè se tutti in paese lo conoscono come Paolo, sanno che è lui, quell’uomo “gentile e tranquillo, mai una parola di politica, usciva di casa alle cinque del mattino per andare a lavorare”, dicono ora i suoi vicini, ed è la perfetta descrizione di un insospettabile. Un “lupo solitario, senza legami con l’Isis”, dicono in procura.

Le intenzioni dell’autista dello scuolabus

Già, ma perché allora l’ha fatto? Sy ha riferito alla procura di aver girato nei giorni precedenti dei video caricandoli su Youtube e spedendoli a parenti in Senegal in cui diceva che “si sarebbe sentito parlare di lui”. Ai pm (Nobili e Luca Poniz) ha parlato del caso della nave Mare Jonio bloccata in mare con i migranti a bordo come “episodio scatenante, la goccia che ha fatto traboccare il mio vaso”. E in quei 40 minuti di terrore sul bus ha più volte ripetuto “Basta stragi nel Mediterraneo, sono stanco di vedere bambini mangiati dagli squali in mare”. Voleva – questo è quanto si è capito finora – “attirare l’attenzione su qui morti con il suo gesto”. Cosa avrebbe fatto una volta arrivato a Linate non è chiaro: voleva scappare, ha detto, prendere un aereo verso il Senegal. Come, non è chiaro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *