NOTIZIE CRONACA

Laurea ad honorem a Bologna per Mario Draghi: “Il 75% dei cittadini Ue è a favore dell’euro”


BOLOGNA – “Nel complesso i cittadini europei apprezzano i benefici dell’integrazione economica che l’Unione europea ha prodotto e da anni considerano come il suo maggior successo la libera circolazione delle persone, dei beni e dei servizi, cioè il mercato unico”. Così il Presidente della Bce, Mario Draghi, in un discorso all’Università di Bologna dove ha ricevuto una laurea honoris causa in Giurisprudenza.”Il 75% dei cittadini è a favore dell’euro”, ha sottolineato.

Parole pronunciate nell’aula di Santa Lucia, in pieno centro, mentre attorno è stata istituita una “zona rossa” per tenere distanti gli attivisti dei centri sociali Hobo e Cua – una cinquantina quelli che stanno manifestando in corteo, mentre in mattinata era stata la volta del collettivo Link.

Se l’euro è difeso dai cittadini dell’Unione europea, al contempo cala il consenso degli stessi nei confronti delle istituzioni centrali, “dal 57% nel 2007 al 42% di oggi”. “Questo declino – ha chiarito Draghi – è parte di un fenomeno più generale che vede diminuire la fiducia in tutte le istituzioni pubbliche”. E “quella verso i governi e i parlamenti nazionali oggi si attesta appena al 35%”, ha sottolineato.

Tuttavia, è l’avvertimento del governatore della Banca centrale europea, “in un mondo globalizzato l’Unione europea diviene oggi ancora più rilevante”. “Tutti i Paesi per essere sovrani devono cooperare. E ciò è ancor più necessario per i paesi appartenenti all’Unione europea”, ha spiegato. “La cooperazione, proteggendo gli Stati nazionali dalle pressioni esterne, rende più efficaci le sue politiche interne”.

L’Alma Mater Studiorum di Bologna ha deciso di conferire la laurea honoris causa in Giurisprudenza a Draghi per il ruolo svolto da un lato nella difesa dei principi e dei valori dei Trattati dell’Unione Europea e dall’altro nella promozione della disciplina giuridica di un’Unione bancaria europea attenta alla protezione dell’interesse pubblico e dei risparmiatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *