TECNOLOGIA

Milioni di pasword sono visibili ai dipendenti di Intagram e Facebook


Facebook ha rivelato che le password degli utenti di Facebook e Instagram sono state per lungo tempo aperte e visibili ai dipendenti. La nota è stata pubblicata in un nuovo post sul blog chiamato Keeping Passwords Secure.

La società prosegue affermando che nessuno al di fuori di Facebook ha avuto accesso alle password degli utenti, ma non è una buona ragione per stare tranquilli. Stando a queste informazioni vi consigliamo per scrupolo di ambiare le vostre password di accesso a Facebook e Instagram, visto che per diverso tempo sono state visibili ai dipendenti dell’azienda.

Un altro consiglio che possiamo darvi è quello di utilizzare sempre una password univoca per ogni account e non riciclare mai la stessa password per due o più account. E se avete paura di dimenticare le varie password, un software di gestione password come 1Password e LastPass può essere d’aiuto, o persino la funzione integrata di iCloud Keychain di Apple. Come ultima risorsa, un classico notebook con password che si aggiorna regolarmente. Basta non lasciarlo in memoria e riciclare password.

Perché correre ai ripari in questo modo? Perché non c’è modo di sapere se qualche malintenzionato all’interno di Facebook stia salvando le password degli utenti.

LEGGI ANCHE: Il co-fondatore di WhatsApp consiglia agli utenti di cancellare gli account Facebook

È inoltre consigliabile abilitare l’autenticazione a due fattori per i vostri account personali quando possibile. Infine, il social network conferma che comincerà ad avvisare gli utenti interessati della sicurezza che segue la divulgazione di oggi. Per quanto riguarda il numero di persone interessate, questo è ciò che offre l’azienda:

“Stimiamo che notificheremo la cosa a centinaia di milioni di utenti di Facebook Lite, decine di milioni di altri utenti di Facebook e decine di migliaia di utenti di Instagram. Facebook Lite è una versione di Facebook utilizzata prevalentemente da persone in regioni con connettività inferiore.”

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *